Il cioccolato e la vitamina D, il gusto e il benessere si incontrano

Uno studio recentemente presentato della Martin Luther University Halle-Wittenberg, pubblicato su Food Chemistry lo conferma definitivamente: il cacao contiene vitamina D, il cui consumo fa si che il corpo umano possa prevenire problemi alle ossa e malattie respiratorie.

La vitamina interessata, secondo lo studio analizzato, è in particolare la vitamina D2.

Gli alimenti che la contendono abbondantemente sono il burro di cacao e il cioccolato fondente. Sembra che la vitamina D sia presente nelle fave di cacao dovuto al sistema di lavorazione dopo la raccolta: le fave vengono infatti esposte al sole, e si suppone che la elaborazione della vitamina del frutto sia dovuta  a funghi innocui, i quali vengono trasformati nell’esposizione solare in vitamina D2.

 

Si è arrivati a questa conclusione utilizzando un esame specifico, denominato: spettrometria di massa.

Il risultato ha confermato quello che già da tempo si sospettava: il cioccolato fondente ha un contenuto relativamente alto di vitamina D, mentre il cioccolato bianco ne risulta praticamente privo.

Ciò dipende dalla lavorazione successiva delle fave di cacao, il contenuto di cacao nel cioccolato fondente è molto più alto rispetto al contenuto di cacao nel cioccolato bianco.

Questo conferma indubbiamente che  la fonte di vitamina D2 è il cacao!

Gabriele Stangl, una delle autrici dello studio, consiglia quindi di consumare cioccolato fondente, in quantità moderata per favore l’assunzione di vitamina D.

Naturalmente non mangiamo cioccolato solo pensando alla vitamina D, per cui dallo studio presentato, noi di Cioccolateria Veneziana traiamo le nostre dovute conclusioni:

Se il cioccolato è di qualità può far sol che bene!

La conclusione è immediata, il cioccolato fa bene sotto moltissimi punti di vista, per cui è assolutamente inutile privarci di questa delizia!

Dobbiamo invece fare attenzione alla qualità del cioccolato che consumiamo, che risulti buono sano e possibilmente artigianale.

Il buon cioccolato non deve contenere un’alta percentuale di grassi, deve essere rielaborato con un ottima qualità di cacao e deve risultare ano dal punto di vista della sicurezza alimentare.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.